• giovanni Terzi

Il Rumore non è Musica!

IL RUMORE:


Alla terminologia rumore viene associato comunemente tutto ciò che provoca una sensazione sgradevole, fastidiosa o intollerabile. Ma non è sempre così: basti pensare al "verso gioioso di un bambino piccolo", che pur essendo un rumore, non evoca sensazioni sgradevoli;

inoltre un rumore può essere considerato un avvertimento che permette ad esempio di individuare un guasto o un pericolo o di metterci in attenzione (ad esempio l’allarme dell’impianto di antifurto).

Tecnicamente il suono è una perturbazione meccanica che si propaga in un mezzo elastico (gas, liquido, solido) e che è in grado di eccitare il senso dell’udito.

Un qualsiasi oggetto, se sollecitato, inizia a vibrare (ad esempio una corda di chitarra, ecc.); tali vibrazioni, per mezzo dell’aria, giungono fino al nostro orecchio che le trasforma in suoni.

Comunemente, vengono definiti “suoni” i segnali sonori composti da un certo numero di frequenze fisse ben definite (ad esempio il LAeq di un diapason).

Vengono definiti “rumori” quei fenomeni casuali costituiti da un numero infinito di componenti, ciascuna con caratteristiche di ampiezza e di fase imprevedibili (ad esempio quelli prodotti in un cantiere edile o dal traffico stradale).

Se si considera il fenomeno acustico in rapporto all’individuo che lo percepisce, possiamo definire un suono come rumore quando provoca una sensazione uditiva sgradevole, in quanto diverse sono le sensazioni da persona a persona e dipendono spesso da situazioni particolari: stato d’animo, stato fisico.

Il problema, pertanto, non è quello di stabilire se un dato suono possa o meno definirsi “rumore” bensì quello di formulare, dopo aver eseguito specifiche misure e controlli strumentali, un giudizio di valutazione sull’entità del disturbo arrecato dai rumori e di studiare i provvedimenti adatti a ridurre il disturbo stesso.


0 visualizzazioni0 commenti